Olocausto, Salvini risponde a Di Maio: “Ministri sono pagati per lavorare” | La controreplica: “Miei timori sono giusti”

Il leader della Lega: “Rispondo con il lavoro, vorrei concretezza anche da altri”. Il ministro del Lavoro: “Il problema sono i temi ideologici”

Matteo Salvini replica alle preoccupazioni del vicepremier Di Maio per le alleanze europee della Lega “con chi nega l’Olocausto”. “Io lavoro – dice Salvini -, io rispondo col lavoro, con i fatti. Questa gente che cerca fascisti, comunisti, nazisti , marziani venusiani… i ministri sono pagati per lavorare”. Immediata la reazione del ministro del Lavoro: con la Lega “abbiamo problemi quando parliamo di temi ideologici che a volte sono di ultradestra”. “Anche in queste ore una nave Ong che stava arrivando in Italia ha cambiato indirizzo e sta andando da un’altra parte. Vuol dire che l’Italia difende i suoi confini. Mi piacerebbe che tutti i ministri avessero la stessa concretezza sbloccando cantieri, facendo ripartire opere pubbliche. Se invece di polemizzare si lavorasse di più, si sbloccassero i cantieri fermi, l’Italia sarebbe un paese migliore”. La risposta di Di Maio non si fa attendere. “Quando dico che è preoccupante che la Lega si allei con chi lascia il Parlamento quando si commemora la Shoah credo di stare dicendo una cosa giusta, che riguarda non solo me ma i nostri figli”, spiega il ministro del Lavoro. “Questo governo, quando lavora sui fatti lavora bene, e io lavoro benissimo con Salvini e la Lega. Abbiamo problemi quando parliamo di temi ideologici che a volte sono di ultradestra”.
Tav, “opera fondamentale, troveremo un accordo” – A Genova il titolare degli Interni si rivolge a chi “cerca fascisti, comunisti, nazisti, marziani venusiani” e poi definisce di nuovo “fondamentale” la Tav. “Continuo a ritenerla un’opera fondamentale per collegare l’Italia al resto d’Europa e per permettere di inquinare di meno. Nel contratto di governo c’è, giustamente, la qualità dell’aria e quindi il treno inquina meno del gasolio. Poi gli imprenditori e i pendolari spenderebbero di meno. Sicuramente si troverà un accordo con i Cinquestelle”.

Banche, “ok la riflessione dei tecnici, ma il tempo è scaduto” – Salvini torna anche sui rimborsi ai truffati delle Banche. “Dovevano partire ieri – dice -. È già passato troppo tempo. Abbiamo messo quasi due mesi fa un miliardo e mezzo a bilancio. Bene i tecnici che approfondiscono, studiano e riflettono però c’è un limite all’approfondimento perché la gente, giustamente, il mutuo lo deve pagare e non ha tempo”. Da Ivrea Di Maio replica punto per punto. Sulle banche dice che “dobbiamo mantenere la promessa di risarcire i truffati. E’ una follia, ci sono i soldi ma manca una carta che eroghi i soldi. Non si modifica nulla di quella norma sui rimborsi senza il dialogo con i truffati. Il governo è amico di quelle persone. Lunedì si fa quest’incontro poi o si fanno i decreti o si erogano i soldi direttamente, senza arbitrati”.Quanto ai cantieri bloccati, il pentastellato ricorda che “lo sblocca cantieri è un provvedimento di un governo in cui siamo tutti e due, non so se è chiaro…”. Poi, sulla situazione interna al Movimento, rassicura: “Tra me e Davide o tra me e Beppe non c’è alcuna divergenza. Ora stiamo lavorando per le Europee e conoscerete a breve i capilista”.

leave a reply